bruxismo – bruxism

Start here

Annunci
BRUXISMO E ALTRI POSSIBILI SINTOMI DI STRESS IN BAMBINI O GIOVANI DOWN E NON-DOWN, AUTISTICI O CON ALTRI DISTURBI GENERALIZZATI DELLO SVILUPPO di Renato COCCHI e Achille LAMMA  
Riassunto

Due gruppi di soggeku-xlargetti autistici o con altri Disturbi Generalizzati dello Sviluppo (Gruppo 1: 13 F + 20 M, tutti con sindrome di Down; Eta’ media alla 1a visita 89.91 +/- 40.14 mesi; Gruppo 2: 18 F + 39 M; eta’ media alla 1a visita: 108.25 +/- 59.60 mesi) sono stati indagati per la prevalenza di compresenza di facilita’ alle malattie infettive respiratorie, stitichezza spastica e/o diarrea, e bruxismo come reazioni ad uno stress di origine endogena. A conferma dell’ipotesi, i soggetti Down, che hanno due fattori di stress interno (l’autismo o altri Disturbi Generalizzati dello sviluppo e la alterazione cromosomica) hanno mostrato significativamente (.002) una maggiore compresenza di questi sintomi, rispetto ai soggetti non-Down. Si conferma che la quantita’ di stress puo’ essere una variabile in grado di determinare reazioni multiple di stress.

Parole chiave: sindrome di Down, autismo,psicosi infantili,stress.bruxismo, sintomi-

Testo in inglese

Home Page.

La relazione tra bruxismo e stress nei soggetti con autismo o altro Disturbo Generalizzato dello Sviluppo (DGS), Down o non-Down ha mostrato una prevalenza significativamente maggiore nel gruppo dei Down, in quanto sottoposti ad uno stress endogeno piu’ marcato (autismo o DGS e trisomia 21) a fronte dello stress endogeno dovuto al solo autismo o DGS dei soggetti non-Down (Cocchi e Lamma, 1999).

Abbiamo considerato in altre nostre ricerche sia la facilita’ alle malattie infettive respiratorie (MIR) che la presenza di alvo stitico spastico e/o facilmente diarroico come sintomi di stress (Cocchi 1998; Cocchi 1996 e 1997). Ci e’ sembrato pertanto che questi due fossero dei sintomi interessanti da appaiare al bruxismo. Cio’ per cominciare ad avere un quadro clinico piu’ completo delle possibili reazioni di stress, in funzione della quantita’ dello stress stesso.

Per quanto riguarda il bruxismo nei bambini Down, nel 1988 abbiamo posto l’accento lo stress, come momento casuale, sulla scorta di una terapia ex-juvantibus condotta con farmaci. Si deve anche ricordare che lo stress psicologico e’ solo un tipo di stress, e non necessariamente il piu’ importante.

Lo scopo di questa ricerca, che utilizza gli stessi due campioni di soggetti della ricerca precedente (Cocchi e Lamma 1999) e’ quello di vedere se c’e’ una qualche diversita’ nella prevalenza contemporanea di facilita’ MIR, stitichezza spastica e/o facilita’ alla diarrea, e bruxismo, in funzione della quantita’ di stress interno indotto dalla malattia. In altri termini partendo dal presupposto che due malattie costituiscano per l’organismo una quantita’ maggiore di stress che una sola, ci si aspetta di trovare una maggiore compresenza dei tre sintomi nei soggetti Down con autismo o altro DGS che nei soggetti autistici o con DGS, senza sindrome di Down o altra malattia genetica.

Questo perche’ i secondi hanno solo una malattia (l’autismo o il DGS) mentre ce ne sono due (autismo o DGS + trisomia 21) nel nostro gruppo di soggetti Down.

Materiali e metodi

Sono state riesaminate le cartelle cliniche di tutti gli autistici o altri DGS di bambini e giovani visti da uno di noi a partire dal 1980. Da queste cartelle sono stati raccolti sesso, eta’ alla 1a visita, diagnosi cromosomica o genetica, tipo di psicosi infantile secondo il DSM-IV, presenza di facilita’ alle MIR, di stitichezza spastica e/o facilita’ alla diarrea, e bruxismo. E’ stata fatta analisi statistica con il test del Chi Quadrato, quando era possibile.

Risultati

Tutti i soggetti Down autistici o con altri DGS, si confacevano ai criteri prestabiliti per questa indagine e sono andati a formare il Gruppo 1 (33 Ss).

Tra i soggetti non-Down, autistici o con DGS tre erano affetti da Sclerosi Tuberosa di Bourneville, mentre altre due avevano la sindrome di Rett. Dato che questi 5 avevano una seconda malattia, essi non si conformavano ai criteri prestabiliti, essendo piu’ simili ai soggetti Down con autismo o altro DGS. Per tale ragione li abbiamo scartati dal gruppo 2 (57.Ss)

Tavola 1 : Bruxismo in bambini autisti o con altro DGS, con o senza sindrome di Down. Dati epidemiologici.

Ss Down Ss non-Down
No. di Ss 33 (100.00%) 57 (100.00%)
F 13 ( 39.40%) 18 ( 31.58%)
M 20 ( 60.60%) 39 ( 68.42%)
M/F 153.85 216.67
Eta’ alla 1a visita (in mesi) 89.91 +/- 40.14 108.25 +/- 59.60
Ambito di eta’ 15-160 25-351

Come si puo’ vedere ci sono modeste differenze sia per il rapporto M/F che per l’eta’ alla prima visita, ma crediamo che questo non vada ad inficiare questa indagine. I soggetti del Gruppo 2 sono arrivati alla 1a visita anche gia’ da giovani adulti, perche’ i genitori speravano di trovare un qualche aiuto per dei disturbi correnti, specie per i disturbi del sonno e per l’auto-aggressivita’.

Tavola 2: Gruppo 1 (Soggetti con sindrome di Down):

Diagnosi cromosomiche.

Diagnosi No. di Ss %
Trisomia 21 libera 31 93.94
Mosaicismi 1 3.03
Sconosciuta 1 3.03

L’assenza di soggetti Down con traslocazione e’ probabilmente dovuta alla ridotta numerosita’ del campione. Le altre due diagnosi cromosomiche si situano negli ambiti internazionali.

Tavola 3: Diagnosi (autismo o altro DGS) secondo il DSM-IV

Ss Down Ss non-Down
No. di Ss % No di Ss %
Autismo 30 90.91 53 92.98
Altri DGS 3 9.09 4 7.02

Questi due campioni non sono diversi per la diagnosi secondo il DSM-IV

Tavola 4: Prevalenza delle MIR, della stitichezza spastica e/o diarrea e del bruxismo nei due campioni di soggetti autistici o con altro DGS, Down e non-Down

Ss Down

Ss non-Down

Presente Assente Presente Assente
No. Ss % No. Ss % No. Ss % No. Ss %
Facilita’ MIR 23 69.69 10 30.31 17 29.82 40 70.18

Chi Quadrato = 11.891 con 1 gl e p .0009

Stitic. spastica /diarr. 19 57.57 14 32.33 24 42.11 33 57.89

Chi Quadrato = 1.433 con 1 gl e p .231 NS

Bruxismo 20 60.61 13 39.39 25 43.85 32 55.15

Chi Quadrato = 1.722 con 1 gl e p .189 NS (*)

(*) a differenza della ricerca precedente (Cocchi e Lamma, 1999), qui le prevalenza e’ stata riassunta in maniera dicotomica (presente-assente), quindi si e’ persa la significativita’ statistica.

Gia’ in questa tabella, in cui i risultati sono stati molto semplificati, esiste una differenza significativa per la facilita’ MIR piu’ frequente nei soggetti Down.

Tabella 5: Compresenze dei vari sintomi nei due gruppi di soggetti Down e non-Down

Ss Down

Ss non-Down

Presente Presente
Codificazione No. Ss % No. Ss %
0-0-0 2 6.06 13 22.81
0-1-0 1 3.03 11 19.31
0-0-1 2 6.06 9 15.78
1-0-0 4 12.12 6 10.52
0-1-1 5 15.15 7 12.28
1-1-0 6 18.18 2 3.51
1-0-1 6 18.18 5 8.77
1-1-1 7 21.23 4 7.02
Totali 33 100.00 57 100.00

Chi Quadrato = 22.846 con 7 gl e p .002

La distribuzione della codificazione a 3 sintomi e’ statisticamente differente nei due campioni, con una maggiore compresenza di due o piu’ sintomi nel gruppo dei Down.

Grafico 1: andamento della compresenza dei tre sintomi nei due campioni.

Il grafico 1 mostra un andamento praticamente inverso per quanto riguarda la compresenza dei tre sintomi indagati. La loro assenza e’ minima per i soggetti Down e massima per quelli non-Down. Al contrario la loro presenza e’ massima per i soggetti Down e minima per quelli non-Down.

 

Discussione

Non e’ la prima volta che ci serviamo del confronto tra Ss Down o non-Down autistici o con altri DGS (Cocchi, 1988; Cocchi e Bonaduce 1988a, 1988b; Cocchi 1990, 1991a, 1991b, 1991c; 1991d; Cocchi, 1997; Cocchi e Lamma 1999).

Per l’epidemiologia i soggetti Down autistici o con altri DGS hanno mostrato una prevalenza aumentata per la prematurita’, il basso peso alla nascita e lo strabismo. I soggetti non-Down autistici o con altri DGS hanno avuto un aumento di prevalenza delle anomalie EEG. L’ansia improvvisa, la necessita’ della costanza ambientale, l’ipersensibilita’, i rituali e l’aggressivita’ erano piu’ frequenti nei soggetti non-Down (Cocchi, 1988) I soggetti non-Down autistici o con altri DGS sono stati trovati meno suscettibili alle infezioni respiratorie in confronto con soggetti simili Down (Cocchi e Bonaduce, 1988a). L’auto-aggressivita’ ha una prevalenza maggiore nei soggetti non-Down autistici o con altri DGS a confronto con soggetti Down simili, ma la differenza non ha raggiunto la significativita’ (Cocchi e Bonaduce 1988b).

La presenza di bruxismo e’ stata trovata significativamente maggiore nei Down autistici o con altro DGS (Cocchi e Lamma, 1999).

Anche nella presente indagine non riteniamo che la differenza nel rapporto M/F e nell’eta’ media alla prima visita possa determinare un errore capace di influenzare i risultati. D’altra parte i nostri due gruppi sono molto simili nella distribuzione delle diagnosi di autismo o altri DGS.

Dal gruppo dei non-Down) abbiamo scartato 5 soggetti perche’ ognuno di loro aveva un altro fattore di stress interno, e per l’esattezza 3 erano affetti anche da Sclerosi Tuberosa e 2 da sindrome di Rett. In queste 5 persone avremmo potuto trovare una condizione di stress piu’ vicina a quella dei soggetti Down, che a quella del gruppo scelto per il confronto.

I sintomi “Facilita’ alle MIR” e “Stitichezza spastica e/o facilita’ alla diarrea” sono stati scelti come sintomi di stress in base a nostre ricerche precedenti (Cocchi, 1998; Cocchi 1996;1997a, 1997b). Sulla “facilita’ alle MIR” come sintomo di stress esiste una letteratura ormai concorde e da noi di recente riportata.

La stitichezza spastica, con feci caprine e/o diarrea e’ stata considerata in sintomo da eccesso di stimolazione vagale intestinale susseguente a stress. Esistono evidenze che lo stress non solo puo’ indurre sintomi vagali di questo tipo, ma puo’ dar luogo ad un aumento periferico di acetilcolina (Hata et al., 1986; Kita et al., 1986).

Come si era ipotizzato, i soggetti non-Down hanno mostrato meno compresenza di facilita’ alle MIR, stitichezza spastica e o diarrea, e bruxismo a confronto dei Down, riconfermando, per questa via, che la quantita’ di stress e’ una variabile da tenere in conto, quando un fattore di stress interno e’ di natura genetica, come avviene nella sindrome di Down.

Il perche’ l’espressivita’ di questi sintomi di stress abbia diversa prevalenza, con una differenza significativa per quanto riguarda la facilita’ alla MIR, e non significativa per la presenza di stitichezza spastica e/o diarrea, e per il bruxismo e’ un dato del quale non si puo’ azzardare, per ora, alcuna interpretazione.

Conclusione

Lo scopo di questa ricerca era di trovare differenze nella compresenza facilita’ alle malattie infettive respiratorie, stitichezza spastica e/o diarrea e bruxismo secondo l’ammontare dello stress interno prodotto da malattia. Ci si aspettava una maggiore compresenza di questi tre sintomi in soggetti Down autistici o con altro DGS che non in persone non-Down con autismo o altro DGS.

Questo e’ proprio quel che abbiamo trovato con riferimento ai nostri due campioni. Ancora una volta il risultato pone diversi interrogativi, per i quali, al momento non abbiamo risposte.

Bibliografia

Cocchi R.: Psicosi nel bambino Down e nel bambino normale: Analogie e differenze. Riv. It. Disturbo Intellet. 1988, 1: 89-95

Cocchi R. Childhood psychoses: Result of drug treatment with Down and non-Down subjects. It. J. Intellect. Impair. 1990, 3: 195-202.

Cocchi R. Childhood psychoses: Result of drug treatment on the social behaviour of Down and non-Down subjects. It. J. Intellect. Impair. 1991a, 4: 15-22.

Cocchi R. Childhood psychoses: Result of drug treatment on the school achievement of Down and non-Down subjects. It. J. Intellect. Impair. 1991b, 4: 23-30.

Cocchi R. Childhood psychoses: Result of drug treatment on stereotyping behaviours in Down and non-Down subjects. It. J. Intellect. Impair. 1991c, 4: 159-166.

Cocchi R. Childhood psychoses: Result of drug treatment on language development in Down and non-Down subjects. It. J. Intellect. Impair. 1991d, 4: 167-174.

Cocchi R., Bonaduce D.: Suscettibilita’ alle malattie infettive respiratorie in bambini psicotici Down e non-Down. Riv. It. Disturbo Intellet. 1988a, 1: 173-178.

Cocchi R., Bonaduce D.: L’autoaggressivita’ nel bambino psicotico. Riv. It. Disturbo Intellet. 1988b, 1: 185-192..

Cocchi R: Toilet habits in Downs; A survey on 492 subjects It. J. Intellect. Impair. 1996, 9: 13-25.

Cocchi R: Toilet habits in drug treated Downs; A survey on 209 subjects It. J. Intellect. Impair. 1996, 10:13-17..

Cocchi R: Toilet habits in autistic and other PDD children with or without Down’s syndrome It. J. Intellect. Impair. 1997, 10:133-138-

Cocchi R.: Drug therapy of stress on upper respiratory tract infections easiness in Downs: Survey on one-year and two-years results. It- J. Intelletct. Impair. 1998, 11: 161-171.

Cocchi R.: Antidepressant and immuno modulatory activity of l-glutamine. It. J. Intellect. Impair. 1999, 12: 23-.

Cocchi R. Lamma C:.:Iinternal stress and bruxism: an investigation on children and young adults with or without down’s syndrome,with autism or other pervasive developmental disorders. It. J. Intellect. Impair. 1999, 12: 12-16.

Hata T., Kita T. et al.: Total Ach content, and activities of choline acetyltransferase and acetylcholinesterase in brain and duodenum of SART-stressed (repeated cold-stressed) rat. Japan. Journal of Pharmacology 1986, 41: 475-485.

Kita T., Hata T. et al.: Changes of total acetylcholine and the activity of related enzymes in SART-(repeated cold)-stressed rat brain and duodenum. Japan. Journal of Pharmacology 1986, 40: 174-177

Lamma A., Cocchi R.: Drug therapy of bruxism in Down children. It. J. Intellect. Impair. 1988, 1: 19-24.

 

Presentato in inglese al 3rd World Congress on Stress, Dublin 24-27 September 2000.

Corrispondenza: dr. Renato COCCHI, via Rabbeno, 3
42100 Reggio Emilia

renatococchi@libero.it

http://www.stress-cocchi.net/Down2-it.htmTesto in inglese

Home Page

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: