bruxismo – bruxism

Home » Bruxismo: storia, diagnosi medica e diagnosi psicologica

Bruxismo: storia, diagnosi medica e diagnosi psicologica

Diapositiva2Storia

“La bruxomanie” (un termine francese o meno equivalente a bruxomania ), è suggerita da Marie Pietkiewics nel 1907. [ 5 ] Nel 1931, Frohman coniato il termine bruxismo. [ 9 ]  Le recenti pubblicazioni mediche useranno la parola bruxomania per  bruxismo, per indicare specificamente bruxismo che si verifica durante la veglia, ma questo termine può essere considerato storico e il moderno equivalente sarebbe bruxismo sveglio o bruxismo diurno. E ‘stato dimostrato che il tipo di ricerca bruxismo è cambiato nel tempo.

Presenza nella popolazione

Questo disturbo è presente nell’8% della popolazione adulta, nel 14% dei bambini e solo nel 3% degli anziani.

Diagnosi medica

contrazione esercitata inconsciamente durante la notte o di giorno dai muscoli elevatori della mandibola sotto l’influenza di determinato stati nervosi. A livello delle arcate ne conseguono pressioni, frizioni, digrignamenti che si ripercuotono dannosamente sulle superfici dentarie e sul parodonto ( abrasione e riassorbimento ).  Dizionario Medico

Diagnosi  DSM – 5 psichiatrica / psicoterapica  / psicologica

In ambito psichiatrico psicoterapeuta il Bruxismo viene inserito nel DSM IV parasonnia o disturbi del sonno. 

Criteri diagnostici ICSD-R

I criteri diagnostici. ICSD-R elencate per il bruxismo sonno [ 10 ] I criteri minimi comprendono entrambe le seguenti:

  • A. sintomo di levigatura dei denti o denti serramento durante il sonno, e
  • B. Uno o più dei seguenti elementi:
    • Usura dei denti anomala
    • Rettifica suoni
    • Disagio dei muscoli della mandibola

Con i seguenti criteri a supporto della diagnosi:

  • C. polisonnografia mostra sia:
    • Attività dei muscoli della mandibola durante il sonno
    • Nessun associato epilettico attività
  • D. Nessun altri disturbi medici o mentali (ad esempio, epilessia sonno-correlati, che può causare movimenti anomali durante il sonno).
  • E. La presenza di altri disturbi del sonno (ad esempio, sindrome delle apnee ostruttive del sonno).

 

 

VIDEO ESPLICATIVO    SINTOMI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: